Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i nostri servizii. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto "Privacy Policy"

Regolamento

  L'Assemblea ordinaria dei Soci, nella riunione del 14 settembre 2005, ha approvato il seguente Regolamento dell'Associazione, in adempimento dell'art. 15 dello Statuto.

Art. 1 Il socio viene ammesso all'Associazione tramite la presentazione dei seguenti documenti:

a) domanda sottoscritta dall'interessato;

b) curricolo della vita ed elenco delle eventuali pubblicazioni;

c) attestazione riguardante l'eventuale attività che si presta o che stata prestata in archivi ecclesiastici.

Con l'accettazione da parte del Consiglio, il nuovo socio acquisisce ogni diritto e dovere, fatta eccezione del diritto di esercitare il voto attivo e passivo. La proclamazione dei nuovi soci sarà fatta dal Presidente dell'Associazione nella prima Assemblea utile. A seguito della proclamazione, il socio può esercitare il diritto di voto attivo e passivo.

 

Il socio decade:

a) per rinuncia comunicata al Consiglio e da esso accettata;

b) per morte;

c) per mancato versamento della quota associativa per tre anni continuativi.

In questo caso, il segretario lo informi assegnandogli un tempo adeguato per la risposta; se, nonostante il richiamo, non versa le quote arretrate, il Consiglio lo dichiara decaduto.

Art. 2 Le sedute dell'Assemblea sono valide in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti. (cfr. Art. 13 § 2 dello Statuto).

Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei soci presenti e votanti, fatto salvo quanto stabilito per le elezioni delle cariche sociali (cfr. Art. 13 § 3 dello Statuto).

Nella relazione all'Assemblea, il Presidente, oltre a quanto previsto nell'art. 13 § 1 dello Statuto, segnala pure le eventuali questioni aperte.

Art. 3 Le elezioni delle cariche sociali sono effettuate con votazioni distinte. Per l'elezione del Presidente e del Vicepresidente occorre la maggioranza assoluta dei voti dei soci presenti; per l'elezione dei Consiglieri sufficiente la maggioranza relativa dei voti dei soci presenti (cfr. Art. 9 dello Statuto). I Consiglieri non possono essere eletti per più di due mandati consecutivi.

Art. 4 Per procedere alle elezioni di cui all'art. 3, l'Assemblea nomina un Comitato elettorale, formato da un presidente, da un vicepresidente e da due scrutatori. è nella facoltà del presidente scegliere altri collaboratori. Terminate le elezioni, il presidente del Comitato proclama gli eletti, dopo l'accettazione da parte dei medesimi.

Art. 5 Al fine di provvedere all'elezione delle cariche sociali, ogni socio presente all'Assemblea può ricevere una sola delega da parte di socio assente. La delega, sottoscritta con autografo, sia consegnata a tempo debito al Comitato elettorale, che ne verifica la validità. La delega permette al socio di figurare come presente.

Art. 6 Qualora l'Assemblea per l'elezione del Consiglio non possa essere riunita nei termini prescritti, l'elezione potrà essere fatta in via eccezionale mediante votazione a domicilio, secondo le modalità definite dal Consiglio, che resta in carica fino alla proclamazione del nuovo.

Art. 7 Il Presidente dell'Associazione svolge anche compiti di rappresentanza legale della medesima (cfr. Art. 11 § 1 dello  Statuto).

Art. 8 Il Consiglio convocato dal Presidente, anche su richiesta di almeno quattro membri del Consiglio stesso.

Art. 9 Le riunioni del Consiglio sono valide quando presente la maggioranza assoluta dei membri. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei presenti (cf. Art. 10 dello Statuto)

Art. 10 Il Consiglio ha facoltà di nominare Consiglieri "aggregati", i quali prendono parte ai lavori del Consiglio senza voto deliberativo.

Art. 11 Possono essere istituite Commissioni con precisi e determinati obiettivi:

 

a) dal Consiglio con delibera;

b) dall'assemblea dei soci, a maggioranza assoluta.

Le Commissioni hanno durata temporanea, per un periodo massimo di tre anni e comunque decadono alla scadenza del Consiglio. Ogni Commissione composta da non più di cinque membri, soci ed eventuali esperti nominati dal Consiglio, e deve avere una adeguata copertura finanziaria, se necessaria, approvata dal Consiglio. La Commissione farà relazione al Consiglio nelle modalità e nei tempi indicati al momento della sua istituzione.

Art. 12 Le pubblicazioni, edite dall'Associazione o sotto il suo patrocinio, dovranno essere portate a conoscenza di tutti i membri del Consiglio e approvate dalla maggioranza dei medesimi.

Art. 13 Le modifiche del Regolamento dovranno essere approvate dall'Assemblea, a maggioranza assoluta.

 Approvato dall' Assemblea Ordinaria dei soci

(Sassone-Roma, 13-15 settembre 2005)