Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i nostri servizii. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul tasto "Privacy Policy"

Lo statuto


Approvato dalla Pontificia Commissione per lo Stalo della Città del Vaticano in data 13 luglio 1956, e aggiornato con alcune modifiche approvate dall'Assemblea dei Soci tenuta il 18 ottobre 1990.

Art. 1.- Con approvazione delle competenti Autorità è costituita la Associazione Archivistica Ecclesiastica con sede nella città del Vaticano, e con gli offici di Presidenza e di Segreteria in Piazza San Calisto n. 16, Roma. L'Associazione non persegue scopi di lucro.

Art. 2.- Scopo dell'Associazione è di contribuire, ispirandosi alle direttive della S. Sede, alla buona conservazione e allo studio degli Archivi che interessano la storia della Chiesa; e di promuovere ogni mezzo che valga a rendere più proficua l'attività scientifica e tecnica dei soci in rapporto agli Archivi.

Art. 3.- Agli affetti di cui al precedente articolo, l'Associazione promuove, tra l'altro, convegni di studio e pubblicazioni; e favorisce la partecipazione dei soci ad altre iniziative, specialmente internazionali rivolto allo studio dei problemi che riguardano gli Archivi.

Art. 4.- I soci sono distinti in tre classi- ordinari, sostenitori e onorari.

 

Art. 5.- Possono essere ammessi come soci ordinari o sostenitori:

a) coloro che prestano o hanno prestato servizio negli Archivi dipendenti direttamente o indirettamente dalla S. Sede, o in Archivi di particolare interesse per la storia della Chiesa;

b) i cultori di scienze archivistiche, che contribuiscono al progresso degli Archivi sopra indicati

  Art. 6.- Possono essere nominati soci onorari coloro che abbiano reso servigi eminenti agli Archivi o siano benemeriti dell'Associazione.

 

Art. 7.- L'accettazione dei soci ordinari e dei sostenitori spetta al Consiglio, che proclama le ammissioni nell'Assemblea. La nomina dei soci onorari spetta all'Assemblea ed è a vita.

 Art. 8.- I soci ordinari si obbligano al pagamento di una quota annuale stabilita dall'Assemblea; i soci sostenitori versano annualmente una quota pari almeno a dieci volte quella ordinaria.

Art. 9.- Sono organi dell'Associazione l'Assemblea dei soci e il Consiglio.
   L'Assemblea è composta dai soci ordinari, sostenitori e onorari. Essa elegge il Consiglio, che è formato dal Presidente, dal Vice-Presidenle e da cinque Consiglieri. Tati elezioni sono effettuate a maggioranza di voti, con votazioni distinte.
   ll Consiglio dura in carica tre anni. Qualora uno o piu' Consiglieri diano le dimissioni o comunque vengano a mancare, subentrano nel Consiglio i primi dei non eletti .

Art. 10.- E' compito del Consiglio dirigere e amministrare l'Associazione, e promuovere le l'attività.
   Le sue deliberazioni sono prese a maggioranza dei componenti

 

Art. 11.- Il Presidente ha la rappresentanza dell''Associazione, convoca il Consiglio e l'assemblea, e ne presiede le sedute. Il Vice-President/e lo coadiuva e, in caso di assenza o d'impedimento o di mancanza lo sostituisce.
   Qualora vengono a mancare sia il Presidente che il Vice-Presidente il Consigliere che ha riportato il maggior numero di voti convoca l'Assemblea dei soci per la loro elezione.

Art. 12.- Il Consiglio sceglie il Segretario e il Tesoriere.
   Nel caso che l'uno e/o l'altro non siano consiglieri, prendono parte alle riunuoni del Consiglio senza diritto di voto.

 

Art. 13.- L'Assemblea dei soci ha luogo ogni tre anni; approva la relazione del Presidente sulle attività svolte, e quella del Tesoriere sui bilanci di previsione e consuntivo.
   Le sedute dell'Assemblea sono valide in prima convocazione quando sia presente almeno la metà dei soci; in seconda convocazione, qualunque sia il numero dei presenti.
   Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei volanti.

Art. 14.- Qualora l'Associazione venga disciolta o cessi la sua attività eventuali beni, il patrimonio librario e le carte della Segreteria saranno devolute alla S. Sede.

Art. 15.- Per quanto non è contemplato nel presente statuto, il Consiglio redigerà un regolamento da approvarsi all'assemblea.
   Le modifiche allo Statuto dovranno essere approvate all'assemblea.